Agenda 2030, obiettivo “Assicurare salute e benessere per tutti”. La Sala: “La salute come stato di completo benessere”

 

“Il mio ruolo mi porta ad occuparmi quotidianamente della salute e del benessere dei miei pazienti”. Per approfondire il terzo obiettivo dell’Agenda 2030, “assicurare la salute e il benessere per tutti”, abbiamo coinvolto il dott. Giuseppe La Sala, medico di base dello Studio Associato al Civico81, sede del nostro Consorzio.

In particolare, nel terzo obiettivo, la salute è intesa come uno stato di benessere fisico, psichico e sociale. L’obiettivo è quello di assicurare salute e benessere per tutti e tutte le età, attraverso il raggiungimento di numerosi traguardi: AIDS e malaria, alcol e fumo, vaccini, mortalità prematura e neonatale. “Tra i traguardi dell’agenda 2030, alcol e fumo è quello che mi sta più a cuore in considerazione del fatto che sono causa e concausa di molte patologie tra i miei pazienti”, ci segnala il dott. La Sala. Il nostro Paese gode di una buona posizione: si trova tra i primi posti su scala globale per quanto riguarda il numero di anni vissuti in salute, senza infortuni e malattie, ma il consumo di alcol e fumo è in continuo aumento e rimane preoccupante.

Anche la pandemia ha contribuito in negativo. Ha avuto un impatto devastante sulla salute fisica e psichica. “Eravamo impreparati a causa della mancanza di un piano per le maxi-emergenze aggiornato. Però, nell’emergenza è comunque emersa la capacità del governo centrale di un coordinamento sulle linee essenziali di risposta alla pandemia”, specifica il medico.

La copertura sanitaria universale è uno degli altri traguardi dell’obiettivo 3. “Un traguardo raggiungibile solo con investimenti da parte di tutti gli stati nell’assistenza sanitaria di base. Da questo punto di vista, è fondamentale colmare la carenza di personale sanitario”, aggiunge il dott. La Sala. Anche il nostro territorio sta risentendo della carenza di medici di base e pediatri. Sono, infatti, stati incrementati i posti del corso di formazione di Medicina Generale e ai corsisti è stato permesso di prendere in carico 650 assistiti. A tal proposito, la famiglia dello Studio Associato di via Bonomelli si è allargata. “Colgo l’occasione per dare il benvenuto alle dottoresse Boni e Montani, le due nuove colleghe arrivate da poco al Civico81. A loro i migliori auguri di buon lavoro!”, conclude il dottor La Sala.